MERCATO DEL LAVORO

Considerazioni generali

In Spagna, i rapporti di lavoro sono regolati dalla legge dello statuto dei lavoratori, approvata dal regio decreto legislativo 2/2015, del 23 ottobre. Questo regolamento è stato adattato e modernizzato nel corso degli anni, al fine di rafforzare il mercato del lavoro per favorire l’occupazione e gli investimenti.

Età minima

L’età minima per l’assunzione è di 16 anni. I minori di 18 anni sono protetti da una serie di regole speciali che, ad esempio, stabiliscono che non possono svolgere straordinari o lavorare di notte.

salari

Lo stipendio minimo interprofessionale viene adeguato ogni anno. Nel 2019 ammonta a 900 euro al mese o 12.600 euro all’anno, in dodici rate mensili e due pagamenti extra. In ogni caso, sono i contratti collettivi che determinano i salari minimi per ciascun gruppo professionale, sempre uguali o superiori al precedente.

Giorno lavorativo

La giornata lavorativa massima è di 40 ore settimanali. Come per gli stipendi, i contratti collettivi o i singoli contratti di lavoro possono modificarlo, ma non superare mai quanto sopra.

Vacanze e vacanze

I lavoratori hanno diritto a un minimo di 30 giorni di calendario di ferie all’anno. Inoltre, possono godersi le festività ufficiali, che non possono superare i 14 giorni all’anno.

Previdenza sociale

Come regola generale, tutti i datori di lavoro, i loro lavoratori, i lavoratori autonomi, i membri delle cooperative di produzione, tra gli altri, devono registrarsi e devono contribuire al sistema di previdenza sociale spagnolo. I datori di lavoro devono inserire le quote a loro carico (29,9% secondo la regola generale, 31,1% per i contratti temporanei) e detrarre e inserire le quote corrispondenti ai loro lavoratori (6,35% o 6,4%, rispettivamente) come contributi previdenziali.

Periodi di prova

Le aziende possono concordare un periodo di prova per verificare le competenze di un nuovo lavoratore. Durante questo periodo, i contratti possono essere risolti liberamente.

Costo del lavoro

Tenerife offre un ambiente imprenditoriale attraente, con costi di manodopera e operativi altamente competitivi in ​​un’area a basso rischio all’interno dell’Unione Europea.

I costi del lavoro in Spagna, sia in media annua che in termini lordi all’ora, sono inferiori del 21% rispetto alla media dell’Unione europea (UE-28), raggiungendo un differenziale di costo del 60% rispetto ai paesi Nordic.

In Spagna, il costo medio del lavoro nelle Isole Canarie e Tenerife è tra i più bassi, offrendo risparmi significativi rispetto alle principali capitali.

Costo totale del lavoro medio per dipendente in Spagna e Tenerife, €

Fonte: INE, secondo trimestre del 2018

Totale nazionale Tenerife differenza
    industria 3.135 2.453 21,8%
    costruzione 2.721 2.324 14,6%
    servizi 2.497 2.201 11,8%